Vi presentiamo Doug Kershaw, Vice Presidente BKT USA

2021-02-04T22:30:21+01:004 Febbraio 2021|Categorie: Componenti, Notizie|Tag: , , , , |

Conosciamo Doug Kershaw, Vice President of BKT USA, con un’intervista rilasciata durante un nuovo episodio della serie “Inspiring Talks”, il progetto della TV digitale di BKT – il BKT Network.

Ciao Doug, benvenuto nel BKT Network. Parleresti ai nostri spettatori un po’ di te?
Volentieri! Mio padre era nell’esercito, quindi ho vissuto in California, Arizona e la maggior parte della mia infanzia in Alaska e Oregon.
Mi sono trasferito in Ohio nel 1993 dove ho incontrato mia moglie Carmen – abbiamo appena festeggiato 25 anni di matrimonio! Abbiamo due ragazzi – ora uomini sposati … ma non ancora nipoti! Fanno parte della famiglia anche il nostro cane e il gatto, trasferiti con noi nel nord-est dell’Ohio, quando ci siamo uniti alla famiglia BKT a gennaio 2018.

Doug, quando è stata la prima volta che sei entrato in contatto con le gomme? E cosa ami di questi “oggetti” neri e rotondi?
Lavoro nell’industria dei prodotti in gomma da oltre 30 anni. Dai tubi flessibili, ai cingoli, agli pneumatici. Quando sento odore di gomma, sento il profumo del business..

Che tipo di manager ti consideri? Hai uno stile di gestione più visionario, democratico o di coaching?
Questa è una domanda interessante. Non credo di essere solo uno di questi profili. Mi piace pensare e pianificare strategicamente mentre collaboro con una squadra, escogitare il miglior piano possibile, costruire una tattica e poi fare da allenatore, in altre parole, incoraggiare e lavorare insieme alla mia squadra per raggiungere un obiettivo comune.

Vuoi descriverci una tipica giornata lavorativa, Doug? Hai qualche rituale con cui inizi la giornata?
La mia giornata di lavoro di solito inizia abbastanza presto. Ovviamente i primi dati che guardo sono i risultati delle vendite del giorno precedente, le attività del team, dei clienti, il mercato. Con l’arrivo del resto della squadra, Minoo Mehta (Presidente di BKT USA) e io ci colleghiamo per analizzare i diversi punti chiave da smarcare.
Dalla pandemia, abbiamo inaugurato i “BKT Coffee Breaks” da remoto, per dare a ciascun membro del team la possibilità di parlare con gli altri e ciò permette a me e Minoo di comunicare a tutta la squadra.
Non abbiamo volutamente un’agenda “rigida” dei punti da discussione. Pensiamo che così facendo la squadra sia più aperta a condividere novità inaspettate. Ogni giorno può essere molto diverso e questo rende le cose entusiasmanti.

Sei un buon ascoltatore?
Mi piacerebbe pensarla così. Credo che un buon leader debba ascoltare e fidarsi della squadra per identificare e agire sulla strada migliore, per crescere e avere successo.

Hai viaggiato in Europe per business, vero? Dove di preciso e quali Paesi ti piacciono di più?
Sono stato in molti luoghi per lavoro; in tutta Europa, Scandinavia, Regno Unito, Sri Lanka, ovviamente India, Australia, Giappone e Corea del Sud.
Adoro l’Europa. Quello che mi piace di più del viaggio è poter visitare non solo le zone “turistiche”. Per me questo è più importante perché puoi avvicinare il “vero” Paese e la sua gente.
È dura scegliere il mio Paese preferito. Devo dire Grecia, dove vorrei tornare per visitarla ancora meglio, e Italia – Roma e la Sardegna sono sicuramente nella mia top 5. Anche l’Australia è fantastica, così come l’esperienza della sauna e salto nella neve in Finlandia e così come il viaggio in Repubblica Ceca.

Cosa ti piace fare nel tempo libero?
Faccio molte passeggiate con mia moglie e la mia famiglia. Mi piace anche la musica e stare seduto dietro la mia batteria e suonare alcune canzoni preferite. Sono un grande fan dei Pink Floyd, dei Genesis e di altri gruppi rock progressivi.

Essendo madre lingua inglese ti troverai a tuo agio viaggiando, ma hai mai avuto episodi di difficoltà? Parli altre lingue?
Sì, quando ho lavorato per un’azienda franco-canadese ho dovuto viaggiare molto in Québec, Canada. Ho imparato molte frasi per cavarmela e sono arrivato al punto in cui avrei potuto capire anche una conversazione in francese.

Se potessi essere qualcun altro, chi vorresti essere?
Sono un batterista, sogno di poter suonare un giorno con Phil Collins dei Genesis in un concerto. Sarebbe davvero fantastico.

E se avessi un superpotere quale sarebbe?
La capacità di volare. Adoro il modo in cui le aquile si librano in volo. Mi piacerebbe poter volare come un’aquila e godere del panorama da lassù.

Senza dubbio sei un uomo di successo. Sei positivo, sei un modello di ispirazione. C’è qualcosa che invece non sai fare?
Beh, posso essere piuttosto autocritico. Mentre mi va bene che le persone intorno a me commettano errori mentre si sforzano di raggiungere i loro obiettivi, verso me stesso sono molto più duro.

Sei un telespettatore tradizionale o uno da Netflix? Quale è il tuo film preferito?
Guardo sia la TV che Netflix. Mi piacciono i film che hanno una base storica, ma Il Signore degli Anelli e Game of Thrones sono alcuni dei miei preferiti.

Quale è il tuo sogno nel cassetto?
Parlando di volo … ho sempre desiderato fare un giro in un jet da combattimento che volasse più veloce del suono. C’è un jet da combattimento chiamato “Eagle”. È il mio aereo preferito e mi piacerebbe farci un giro.

L’ultima domanda è d’obbligo in tutti i nostri “Inspiring Talks”: qual è la tua più grande passione?
Devo dire la mia famiglia. Mia moglie ed io siamo stati benedetti con i nostri ragazzi e le loro mogli. Amo poterli guardare crescere e vederli realizzare nei loro sogni. Ma anche le persone con cui lavoro. Francamente, penso che il nostro team BKT USA sia il miglior team di cui abbia mai fatto parte.
Quindi la mia passione è anche vedere il nostro team, e BKT, riuscire a raggiungere gli obiettivi.

Qui la puntata originale e completa: www.bkt-network.com/inspiring-talk-with-doug-kershaw-episode <www.bkt-network.com/inspiring-talk-with-doug-kershaw-episode>