Tadano è sempre in vetta!

2022-03-17T17:27:06+01:0018 Marzo 2022|Categorie: Notizie, Sollevamento|Tag: , |

Un team specializzato svizzero ha utilizzato una gru cingolata Tadano CC 3800-1 per il montaggio di una turbina eolica sul massiccio del San Gottardo.

La forza di una gru ad oltre 2.000 m di altezza

“L’installazione di una gru cingolata su questo tipo di terreno richiede davvero l’uso di specialisti” afferma Manuel Widmer, responsabile dei progetti su larga scala di Toggenburger, spiegando qual è stata la sfida più grande in questo impegnativo progetto. La squadra infatti, ha dovuto affrontare una serie di avversità al parco eolico del San Gottardo, a oltre 2.000 metri di altitudine: non solo l’area di lavoro era estremamente ristretta, ma era anche circa 20 metri più bassa delle fondamenta della turbina eolica Enercon E 92.

E poiché a ciò si accompagnava l’assenza di una superficie pianeggiante sufficientemente ampia, il braccio da 132 metri della gru cingolata CC 3800-1 Tadano doveva essere installato “in discesa” con una pendenza di quattro gradi. Date queste condizioni, l’azienda ha deciso di andare sul sicuro e di conseguenza si è affidata allo specialista Tadano CC Willi Friesen per ottenere assistenza durante la pianificazione dell’intera operazione.

L’utilizzo della grande gru da 650 tonnellate ha comportato un vantaggio: “Grazie alla straordinaria capacità di sollevamento della CC 3800 1 in una configurazione LH+LF3, anche senza il sistema Superlift, siamo stati in grado di offrire a Enercon un gru per l’erezione di torri nel parco eolico”, riferisce Manuel Widmer.

Un’accurata pianificazione

Il team ha misurato meticolosamente ogni singola dimensione nell’area di installazione, inclusi tutti gli ostacoli e le differenze di altitudine nel sito. Durante questo processo è risultato che non sarebbe stato possibile montare il boma come di consueto a causa di un’inevitabile pendenza in discesa di 4°. In altre parole, doveva esserci un piano speciale per la sua creazione. Durante questa fase di pianificazione, il team ha coinvolto l’esperto Willi Friesen per ottenere da Tadano la massima assistenza.

“La pendenza in discesa su terreni accidentati e irregolari, combinata con le condizioni di spazio ristretto, significava che il braccio doveva essere assemblato mentre era sospeso in aria” spiega lo specialista della CC. “Willi Friesen è stata una vera manna dal cielo per il suo supporto e la sua esperienza, e apprezziamo molto l’assistenza del team Tadano” sottolinea Manuel Widmer.

Una volta sul posto, c’era ancora un altro potenziale ostacolo: l’autogru di assistenza poteva funzionare solo a grande distanza dalla CC 3800-1 e i componenti dovevano essere portati uno per uno dall’area di sosta temporanea. Inoltre, ogni volta che il camion si dirigeva verso l’area di installazione, doveva attraversare una strada di accesso estremamente stretta, ripida e tortuosa, il che era di per sé una sfida.

“Dovevamo ridurre in modo significativo i pesi, il che significava, ad esempio, rimuovere i verricelli e il telaio ad A dalla gru di base e portarli sulla montagna separatamente” riferisce Manuel Widmer. E poiché l’area di installazione stessa era limitata per posizionare temporaneamente i componenti della gru, tutto doveva essere consegnato just-in-time dall’area di sosta temporanea: “Portare le parti della gru sulla montagna è stata davvero una sfida logistica” fa notare Manuel Widmer.

Quando tutto funziona

Nonostante tutte le avversità, il team di Toggenburger è riuscito ad allestire la gru e ad averla pronta per iniziare il sollevamento entro i tempi previsti. “Parte del motivo per cui siamo stati in grado di farlo è stato il fatto che la CC 3800-1 può essere configurata in modo estremamente rapido ed efficiente rispetto ai prodotti della concorrenza. Inutile dire che anche la vasta esperienza del nostro team ha giocato un ruolo chiave” afferma Manuel Widmer, che elogia sia la gru che il team.

Nella configurazione del braccio da 120 m + 12 m, la CC 3800 1 è stata in grado di sollevare in sicurezza tutti i componenti con un offset LF di 20° su un raggio di 32 metri con un contrappeso Superlift molto ridotto. Il carico più pesante era la gondola, che arrivava a un peso di 65 tonnellate: “Eppure la gru avrebbe potuto facilmente movimentare qualcosa di più” afferma con sicurezza l’operatore della gru Stefan Graf.

“La CC 3800-1 è assolutamente affidabile e ha una capacità di sollevamento straordinariamente ampia per una gru da 650 tonnellate, in particolare con il Boom Booster. Lavoro con questa gru dalla fine del 2015 e devo davvero dire che è la macchina perfetta! È lo standard con cui tutte le altre gru dovrebbero essere misurate”.

Non sorprende quindi che Toggenburger utilizza regolarmente la sua CC 3800-1. In Svizzera, l’azienda utilizza la gru non solo per progetti di turbine eoliche, ma anche per lavori di costruzione di ponti e impianti. “E poiché qui in Svizzera è tutto un po’ più piccolo, tutto è semplicemente perfetto, specialmente con il sistema Vario Superlift” afferma Manuel Widmer sottolineando un altro dei vantaggi della gru.