Soluzioni a firma Ruregold

La sede comunale di Santo Stefano di Rogliano, in provincia di Cosenza, è stata oggetto di un adeguamento antisismico, e i solai in laterocemento sono stati rinforzati strutturalmente per ovviare a fenomeni di sfondellamento. La riqualificazione si è affidata ai prodotti Ruregold.

Ruregold protagonista, con la sua linea di prodotti, nella riqualificazione strutturale e antisismica dei solai di un municipio calabrese

Interventi antisismici e ristrutturazione dei solai: due problematiche che hanno trovato una risposta tecnica di grande efficacia nelle soluzioni per il rinforzo strutturale Ruregold a base di materiali compositi FRCM. Tutto ciò ha riguardato il Municipio del Comune di Santo Stefano di Rogliano, in provincia di Cosenza, un edificio di due piani fuori terra edificato intorno a una tradizionale maglia strutturale a travi e pilastri in calcestruzzo, che nonostante l’epoca di costruzione relativamente recente non risultava più in linea con gli attuali standard antisismici, oltre a evidenziare fenomeni di sfondellamento dei solai in laterocemento.

Soluzione vincente

Nel caso in esame, un sopralluogo preliminare in cantiere ha indotto l’impresa esecutrice, la Calcestruzzi Veltri di Parenti (Cs), a optare per una soluzione di rinforzo a base di materiali compositi FRCM composta da C-Mesh 182, rete unidirezionale da 182 g/m2 in fibra di carbonio con fibra di vetro termoplastica nella direzione trasversale a quella delle fibre di carbonio, e da MX-C 50 Calcestruzzo, matrice inorganica fibrata a base cementizia specifica per l’impiego della rete C-Mesh 182 su strutture in calcestruzzo ideale per consentire l’ottimale trasferimento delle tensioni dall’elemento strutturale alla rete di rinforzo.
Indicato per l’adeguamento e miglioramento del comportamento statico e antisismico di edifici e strutture in calcestruzzo armato, rinforzo a flessione di travi in calcestruzzo armato, rinforzo a presso-flessione di pilastri in calcestruzzo armato, rinforzo a taglio di travi, pilastri, nodi trave-pilastro e pareti in calcestruzzo armato e confinamento di pilastri in calcestruzzo armato, il sistema garantisce un incremento della capacità resistente a flessione, presso-flessione e taglio degli elementi trattati, nonché un incremento della duttilità e della resistenza nelle parti terminali di travi e pilastri in calcestruzzo armato.

Per contrastare i fenomeni di sfondellamento dei solai in laterizio l’impresa ha scelto una soluzione specifica come X Plaster, il sistema sviluppato da Ruregold facile da installare composto dal pannello Stucanet e dalla specifica malta da intonaco fibrorinforzata Plasterwall, ideale per realizzare presidi antisfondellamento su tutti i tipi di solaio sia in interno che in esterno.

Il pannello Stucanet è costituito dalla rete metallica elettrosaldata Stucanet in acciaio galvanizzato o inossidabile (disponibile nelle versioni “S” e “80”); nella trama della rete è intessuto un foglio di cartone preforato che funge da cassero a perdere, ideale per consentire la posa diretta del sottile strato di intonaco Plasterwall (20 mm) favorendone l’ottimale aderenza alla rete metallica grazie alla presenza dei fori.
La peculiarità del sistema X Plaster rispetto ad altri sistemi è il fissaggio meccanico della rete al solaio, che consente di realizzare una superficie planare pronta all’intonacatura finale senza dover rimuovere o preparare il supporto in laterizio. Questo garantisce sicurezza per gli utilizzatori, semplicità e velocità di posa per l’impresa e riduzione dei costi complessivi per la committenza.

Grazie a una approfondita campagna sperimentale svolta presso laboratori specializzati il sistema risulta completamente certificato sia dal punto di vista statico fino a un carico di sfondellamento di 300 kg/m2, sia del comportamento al fuoco, e per la sua versatilità può essere impiegato anche per disegnare superfici complesse o rivestimenti architettonici.