Scania investe nei giovani

2016-12-28T10:00:57+01:0028 Dicembre 2016|Categorie: Notizie, Veicoli industriali e leggeri|Tag: , , |

Scania: investire nel fattore umano e nei giovani, offrire percorsi di crescita perché i veri talenti rimangano in azienda.

Scania investe nei giovani Scania Italscania autocarri Scania

Poche chiacchiere e tanti fatti. 115 dipendenti e 16 assunzioni nel 2016: questi i numeri con i quali chiude l’anno Italscania, filiale italiana di Scania (azienda del Gruppo Volkswagen) con una presenza in oltre 100 paesi nel mondo e una squadra di oltre 45.000 persone. Un’azienda capace di investire sui giovani: il fattore determinante per continuare a crescere in un contesto competitivo come il settore dei trasporti.

“Investire sui giovani significa garantire loro concrete prospettive di lavoro che durino nel tempo. Un elemento chiave per Scania, che investe sì nella formazione di giovani talenti ma al tempo stesso continua ad offrire ai propri dipendenti concrete opportunità di crescita in azienda”. Dino Cecconi, Vice Direttore generale di Italscania e responsabile HR del Gruppo in Italia.

In questo contesto Italscania ha stipulato accordi con importanti Università (il Politecnico di Milano, quello di Torino e le Università di Trento e Verona) finalizzati ad accogliere studenti in azienda. Italscania ha recentemente partecipato anche alla giornata di Porte Aperte del Politecnico di Milano cogliendo l’occasione per presentarsi ai numerosi ingegneri presenti all’evento. Un processo di ricerca e selezione che vedrà alcuni di loro entrare a far parte del team Italscania, per un percorso di crescita e formazione e per un eventuale inserimento in azienda.

Scania investe nei giovani Scania Italscania autocarri Scania

Questo approccio fa sì che anche i dipendenti decidano di investire nell’azienda: un dato che emerge chiaramente guardando agli anni di anzianità dei dipendenti. La media di permanenza in Italscania è di 20 anni. E tra i dipendenti alcuni sono entrati in azienda oltre 40 anni fa. Numeri che confermano l’assoluta priorità del fattore umano.