Ruregold, per ridurre il rischio sismico

Le soluzioni Ruregold a base di materiali compositi FRCM sono protagoniste di un intervento di riqualificazione in provincia di Catanzaro.

Rischio sismico e rinforzo strutturale

Lo Studio dell’Ing. Giuseppe Vitelli è stato impegnato nella riqualificazione sismica ed energetica di un condominio sito nel Comune di Taverna, in provincia di Catanzaro, risolto con successo grazie alle soluzioni per il rinforzo strutturale Ruregold a base di materiali compositi FRCM.

Punto di partenza dell’intervento è stato il vaglio dell’esistenza dei requisiti di accesso agli incentivi messi a disposizione dallo Stato al fine di ridurre il coefficiente di rischio sismico dello stabile.

Per l’esecuzione degli interventi la scelta è caduta sui sistemi di rinforzo Ruregold a base di materiali compositi FRCM in quanto idonei all’eliminazione di tutti i meccanismi di rottura fragile.

Per il confinamento dei nodi ha trovato impiego un pacchetto composto da PBO-Mesh 70/18, rete bidirezionale in fibra di PBO da 70 g/m^2 in ordito e 18 g/m2 in trama disponibile in due altezze (50 e 100 cm), utilizzata in combinazione con MX-PBO Calcestruzzo, matrice inorganica fibrata a base cementizia ideale per consentire l’ottimale trasferimento delle tensioni dall’elemento strutturale alla rete.

Nei tamponamenti perimetrali in laterizio si è intervenuti con la posa di un presidio antiribaltamento previa rimozione dell’intonaco esistente lungo le fasce perimetrali di ancoraggio, la sigillatura dell’intercapedine tra tamponamento e solaio mediante applicazione di malta reoplastica, e l’applicazione di un sistema composto dalla rete bidirezionale PBO Mesh 22/22, dalla matrice inorganica fibrata a base cementizia MX-PBO Muratura, e dal connettore a fiocco PBO-Joint accompagnato dalla matrice inorganica MX-Joint per la sua applicazione.

Il progetto ha previsto, infine, il consolidamento del solaio del sottotetto del fabbricato che è risultato soggetto a fenomeni di sfondellamento. Tale criticità è stata risolta attraverso il rinforzo a flessione dei travetti con Sistema FRCM con fibra in PBO-Mesh 70/18 e MX-PBO Calcestruzzo.

Successivamente è stato applicato il sistema antisfondellamento X Plaster Ruregold, composto dal pannello Stucanet e dalla specifica malta da intonaco fibrorinforzata Plasterwall, ideale per l’utilizzo su tutti i tipi di solaio sia in interno che in esterno.

Una volta completati gli interventi di consolidamento strutturale sarà realizzato un sistema di isolamento termico a cappotto sulle facciate esterne per l’efficientamento energetico di tutto l’edificio.