Progetto vincente per Trevi

Quest’anno Trevi S.p.A. è stata insignita del DFI 2022 Outstanding Project Award per il suo progetto di riabilitazione della diga di Mosul in Iraq.

Una sfida importante

Un riconoscimento che conferma non solo la leadership mondiale di Trevi nella riabilitazione e nell’adeguamento delle dighe (più di 170 progetti dalla propria fondazione), ma anche l’indiscutibile capacità della Società di operare con successo in situazioni complesse non solo dal punto di vista tecnologico, ma anche ambientale.

Ma facciamo un passo indietro. Negli ultimi due decenni, il DFI – Deep Foundations Institute, tra le più rilevanti associazioni internazionale nel campo della progettazione e costruzione di fondazioni e scavi profondi, istituisce un riconoscimento per la miglior opera geotecnica, e proprio quest’anno Trevi S.p.A., divisione specializzata nelle opere di fondazione e consolidamento del Gruppo Trevi, ha ottenuto il DFI 2022 Outstanding Project Award per il suo progetto di riabilitazione della diga di Mosul in Iraq.

Il “Mosul Dam Project” è una collaborazione triennale tra il Ministero delle Risorse Idriche Iracheno, l’USACE (United States Army Corps of Engineers, la sezione dell’esercito americano specializzata in ingegneria e progettazione coinvolto in una vasta gamma di opere pubbliche di sostegno per la nazione sotto il comando dello United States Department of Defense) e Trevi SPA, iniziata nel 2016 con l’obiettivo di stabilizzare, riparare e mettere in sicurezza una frale più imponenti dighe del medio oriente e trasferire ai tecnici iracheni tutto il know-how necessario in futuro per gestire le operazioni in modo indipendente.

Le particolari condizioni ambientali/politiche di quel periodo, vista la persistente instabilità politica del Paese aggravata negli anni precedenti dal conflitto con le milizie ISIS, l’urgenza di interventi tecnici di ripristino e le difficoltà tecniche dell’intervento, hanno reso il progetto della diga di Mosul altamente difficile e rischioso per il personale Trevi.

In oltre 3 anni di ininterrotta attività lo staff di Trevi ha contato circa 8.000.000 di ore di lavoro uomo, completato oltre 5.200 fori per una lunghezza totale di 395.000 m (quasi la distanza tra Mosul e Baghdad), ha stuccato quasi 40.000 m3 di impasto cementizio nel sottosuolo che sostiene la diga, e ha operato con professionalità e sicurezza 24 ore su 24, 7 giorni su 7, consentendo il raggiungimento di 5.000.000 di ore lavorative senza infortuni.