Per la CRI ci vuole Mosa

2019-05-21T00:00:00+02:0021 Maggio 2019|Categorie: Componenti, Notizie|Tag: , |

Le torri faro Mosa scendono in campo al fianco della Croce Rossa Italiana.

Nell’ambito di una strategia di potenziamento delle risorse a livello
locale, recentemente messa in atto su tutto il territorio nazionale, la
Croce Rossa Italiana ha deciso di affidarsi alle torri faro di Mosa.
Quattro torri faro integrate della nuova serie Mosa Light sono infatti
state consegnate ad altrettanti comitati regionali di Marche, Umbria,
Lazio e Abruzzo.

Per la CRI ci vuole Mosa torri faro torre faro Mosa Croce Rossa Italiana CRI

La collaborazione con la CRI prevede anche la fornitura di tre torri
faro ai Nuclei di Pronto Intervento (NPI) di Salerno, Bari e Messina,
altrettante presso il Centro Operativo Nazionale Emergenze (CONE) di
Roma e una presso il Centro Operativo Emergenze (CEO) di Avezzano. Sette
saranno, infine, destinate a diversi nuclei di intervento dislocati dal
Nord al Sud Italia.

Per la CRI ci vuole Mosa torri faro torre faro Mosa Croce Rossa Italiana CRI

Come accennato, il modello scelto dalla CRI è la TF II19 Y della serie
Mosa Light, con carrello traino omologato per la circolazione su strada.
L’attrezzatura è dotata di un palo telescopico a sollevamento idraulico
fino a 9 m e di quattro potenti lampade a LED che consentono di
illuminare perfettamente aree estese, fino a 4.200 mq. Il motore è
un’unità Yanmar 3TNV76 con protezione EP6. Da segnalare la valvola di
sicurezza per la discesa manuale dal palo, il basamento sigillato, il
parascintille, il gancio centrale di sollevamento e le tasche per forche
muletto.

© Macchine Cantieri – Riproduzione riservata – Foto di repertorio
Segnalazioni, informazioni, comunicati, nonché rettifiche o precisazioni
sugli articoli pubblicati vanno inviate a:mc@macchinecantieri.com