Merlo | Sicurezza just in time con il sistema ASCS

2023-09-03T15:31:05+02:004 Settembre 2023|Categorie: Notizie, Sollevamento|Tag: , , |

Gli incidenti sul lavoro non dovrebbero accadere. Punto. Ma ahinoi accadono. Spesso è colpa della disattenzione, ma più spesso di valutazioni sbagliate e una tendenza generale a sottovalutare il pericolo (es. tanto a me non può capitare… cosa vuoi che succeda… sim vabbè…). E colpa di altre diverse altre ragioni, più o meno futili.

Se non è questa la sede per discutere di tutte queste ragioni, vale comunque la pena sottolineare come la tecnologia possa correre in aiuto e risolvere almeno alcune di queste potenziali cause: disattenzione e sottovalutazione dei rischi. I sistemi di sicurezza di cui dipongono oggi le macchine operatrici moderne servono a questo.

Per esempio, il sistema ASCS di Merlo è in grado di rendere più sicuro il lavoro con i sollevatori telescopici, macchine formidabili per prestazioni e potenzialità, nonché versatilità, caratteristiche super he però ne aumentano potenzialmente anche i potenziali rischi.

Ora, i sistemi di sicurezza sono instancabili, e lavorano secondo parametri reimpostati e calcolati a monte sulla base delle caratteristiche tecniche delle macchine nonché di altri parametri come, ad esempio, le formule che descrivono i parametri fisici come gravità, momento, ecc.

Ma come funziona, in particolare, l’ASCS di Merlo e, soprattutto, perché è sia sicuro che estremamente utile?

ASCS di Merlo, totale sicurezza e massimizzazione delle potenzialità di telescopico e attrezzature

L’ASCS è stato pensato e progettato per creare le condizioni necessarie ad assicurare all’operatore e a chi lo circonda una situazione lavorativa nella quale i rischi di incidenti siano minimizzati. 

“Disegnare, produrre e vendere macchine più sicure è un nostro impegno e dovere morale nei confronti di chi opera con i nostri telescopici ogni giorno, in qualunque parte del mondo”. –  Fabio Garino, Product Manager di Merlo. 

ASCS è l’acronimo di Adaptive Stability Control Systemun sistema di sicurezza attivo e adattivo, che verifica in tempo reale tutti i parametri di funzionamento della macchina, basandosi sul rilevamento di tre parametri essenziali:

  • il carico movimentato, ovvero il peso (in kg) del materiale sollevato;
  • la posizione del carico, ovvero la distanza dello stesso dalla macchina;
  • l’attrezzatura in uso, riconosciuta automaticamente, che consente di ottimizzare il calcolo della stabilità e il diagramma di carico. 

Grazie a questi rilevamenti in tempo reale, l’operatore è sempre sicuro che sta operando nei limiti di sicurezza e di “stare alla larga” da incidenti.

ASCS di Merlo, quante versioni e cosa comprendono

Il sistem ASCS di Merlo è disponibile in due versioni:

  • Light: si tratta della versione base che garantisce un livello di sicurezza elevato, verificando in tempo reale i parametri di funzionamento del telescopico al fine di migliorarne la stabilità;
  • Premium: si tratta della versione LLIght con alcuni potenziamenti, come il display da 10 pollici per la visualizzazione dei diversi parametri operativi, del diagramma di carico e per il settaggio delle innumerevoli funzioni della macchina. In più, sono incluse alcune varianti, come la mandata continua e il blocco degli ausiliari, e diverse funzionalità legate all’operatività della macchina. Tra queste, quelle legate ai limiti geometrici e cartesiani di lavoro, che permettono ad esempio di impostare limiti minimi e massimi di salita o discesa del braccio o di definire l’area di lavoro, e quella di memorizzazione del carico, particolarmente utile per chi si occupa di movimentare carichi di dimensioni diverse. Last buy not least anche una funzione dedicata all’utilizzo con pala che, quando riconosciuta dal sistema, attiva in automatico la zona franca di lavoro, l’area all’interno della quale è possibile operare senza che il sistema di controllo blocchi il movimento dell’attrezzo in caso di sovraccarico.

Il sistema di navigazione dell’ASCS Premium è gestito da uno knob situato sul bracciolo destro, in prossimità del joystick. Le attrezzature vengono riconosciute mediante un sensore che permette di adattare i limiti di lavoro, sempre con la massima attenzione a sicurezza e stabilità del mezzo, semplificando in questo modo l’utilizzo della macchina anche per gli utenti meno esperti. Per i telescopici rotativi si hanno visualizzazioni e possibili setting aggiuntivi, come ad esempio tutti quelli relativi alla rotazione della torretta e ai 4 stabilizzatori.