Comacchio | La versatilità della perforatrice MC-E15/DX140 in due cantieri molto diversi

2023-08-21T10:39:32+02:0023 Giugno 2023|Categorie: Notizie, We are Drilling & Foundations|Tag: , |

La perforatrice MC-E15/DX140 è un gioiello tecnologico che nasce dalla collaborazione tra Comacchio e Doosan/Develon attraverso il concessionario trentino Fides e gli specialisti del noleggio di Tecnocom.

Pensata per andare oltre i limiti di una comune perforatrice, la MC-E15/DX140 nasce dalla collaborazione tra due costruttori d’eccellenza come Comacchio e Doosan/Develon (nella fattispecie il concessionario trentino Fides) e gli specialisti del noleggio di Tecnocom.

Comacchio MC-E15/DX140, un gioiello di tecnologia

La MC-E15/DX140 è un’unità di perforazione installata su un midi-escavatore girosagoma, opportunamente adattato nell’impiantistica idraulica. Tra le caratteristiche salienti di questo gioiello di tecnologia spiccano le dimensioni compatte, che permettono il trasporto della macchina in un unico collo nel rispetto dei limiti di sagoma, senza richiedere lo smontaggio dell’attachment e il rilascio di permessi speciali.

Partendo dalla versione “demolition” dell’escavatore base è stato possibile integrare nel progetto un carro estensibile, incrementando la stabilità della macchina in fase di lavoro. L’ottima stabilità della macchina in tutte le posizioni è data anche dall’utilizzo del braccio triplice, che le permette di coprire un ampio raggio di lavoro, incluse le perforazioni “in negativo” sotto il piano stradale o in banchina, inserendosi in spazi angusti e di difficile accesso. Su questa base i tecnici Comacchio hanno lavorato per applicare un cinematismo a doppia ralla per il posizionamento a 360° del mast, pensato per lavorare con barre autoperforanti e aste da 3 m.

La macchina si presta in maniera molto versatile sia per le lavorazioni a rotopercussione con martello in testa, sia per la rotazione convenzionale e rotopercussione a fondo foro. Merito della notevole capacità di sollevamento, unita alla potenza dell’impianto idraulico che caratterizzano il midi-escavatore Doosan. La macchina può inoltre essere dotata di sistema ComNect per l’interconnessione remota, rispondendo così ai requisiti di Industria 4.0.

MC-E15/DX140 di Comacchio al lavoro con le barre autoperforanti

Inserita nella flotta noleggio Tecnocom a fine febbraio, la MC-E15/DX140 ha avuto subito modo di dimostrare la propria versatilità su due cantieri dalle caratteristiche molto differenti.

La trentina Orbari Snc, da 38 anni specialista dei lavori in corda su pareti rocciose, e in particolare nel settore della messa in sicurezza di pareti, consolidamento, disgaggio, opere di protezione come paravalanghe e paramassi, ha messo alla prova la MC-E15/DX140 per un lavoro di ampliamento e rinnovamento dell’area sciabile di Borgo Lares, ai piedi del Parco Naturale Adamello Brenta.

Il progetto prevedeva la realizzazione di una parete chiodata verde, per la quale sono state installate barre autoperforanti R38 a maglia da 2×2 m. Le barre autoperforanti utilizzate avevano una lunghezza complessiva che variava da 6 a 10 m, manicottate in multipli di 2-3 m.

L’intera opera ha richiesto la realizzazione di circa 2.500 m lineari di perforazione, su un terreno prevalentemente roccioso, con l’utilizzo di testa RH 10X completa di kit percussione da 500 Nm a 2.400 colpi/min di frequenza. Una messa a punto che ha permesso di ottenere una produzione giornaliera media di 100-130 m.

La MC-E15/DX140 di Comacchio opera anche con il martello fondo foro

Una tipologia di lavoro molto diversa da quella che ha dovuto affrontare la MG Disgaggi di Mel, in provincia di Belluno, che si è affidato alla MC-E15/DX140 per un intervento urgente di messa in sicurezza della strada per Gracco e Vuezzis in comune di Rigolato (UD), in alta Carnia.

Il lavoro comprendeva la posa di 5 tiranti passivi in barra Gewi da 28 mm di diametro con lunghezza 12 m e di altri 16 tiranti attivi a tre trefoli, lunghi 15 m ciascuno. I tiranti sono stati inseriti in un contromuro di contenimento di nuova realizzazione a valle della strada, in due ordini. Il primo ordine di tiranti è stato installato a un metro sotto il piano stradale, mentre il secondo ordine era posto a un’altezza in negativo variabile da 3 fino a 3,6 m.

La perforazione è stata eseguita con martello fondo foro da 4” e punta da 115 mm di diametro, con l’utilizzo di tubi di rivestimento da 133 mm per i primi 10 m di profondità. Successivamente, la MC-E15/DX140 è stata impiegata per il consolidamento di un muro in calcestruzzo esistente, tramite la posa di 8 tiranti passivi in barra Gewi da 28 mm, per una lunghezza di 10 m, installati sempre con perforazione a roto-percussione con martello fondo foro da 4” e punta da 120 mm.