CM | Pinze selezionatrici serie G e benna frantoio CBF, per una demolizione sostenibile e un riciclaggio ecologico

2024-04-08T09:34:51+02:0015 Aprile 2024|Categorie: Attrezzature, Movimento terra, Notizie|

Nella produzione CM, le pinze selezionatrici e le benne frantoio si rivelano strumenti di punta essenziali per affrontare con efficienza e sicurezza i cantieri di demolizioni e riciclaggio.

Al servizio dell’ambiente e dell’ottimizzazione delle risorse

Separare, selezionare e ridurre i materiali provenienti da demolizioni edili e scarti industriali per riutilizzarli in nuovi processi produttivi rispettando l’ambiente e ottimizzando le risorse. Questo sono chiamate a svolgere le pinze selezionatrici e le benne frantoio CM, attrezzature protagoniste nei settori delle costruzioni e del riciclaggio. L’adozione di queste attrezzature migliora l’efficienza operativa e contribuisce anche all’obiettivo di un futuro più sostenibile e responsabile dal punto di vista ambientale nell’industria delle costruzioni.

Versatilità e precisione in un’unica attrezzatura

Le pinze selezionatrici serie G di CM sono attrezzature idrauliche montate su escavatori o macchine movimento terra. Sono progettate per afferrare, sollevare e manipolare vari tipi di materiali, come calcestruzzo, legno, metalli, ecc. La loro struttura robusta e le ganasce intercambiabili consentono una selezione accurata e un trattamento mirato dei materiali.

Sono ampiamente utilizzate nel settore della demolizione selettiva – consentono infatti di rimuovere parti specifiche di un edificio preservando materiali di valore per il riciclaggio – ma anche nella gestione di rifiuti industriali facilitando il processo di smaltimento. Trovano anche impiego nella manutenzione del verde e nel settore forestale per la manipolazione di tronchi e legname.

La rotazione idraulica a 360° di serie garantisce massima efficienza operativa e un minor utilizzo della macchina operatrice. La capacità di rotazione continua consente alle pinze selezionatrici di raggiungere qualsiasi angolo e posizione, migliorando notevolmente la precisione e la manovrabilità dell’attrezzatura. Questa flessibilità operativa è particolarmente utile in spazi ristretti o durante operazioni che richiedono un controllo preciso o nella separazione dei materiali, in cui è fondamentale evitare contaminazioni incrociate tra diversi tipi di materiali.

Oltre a consentire precisione nella selezione, le pinze selezionatrici garantiscono efficienza operativa: grazie alla loro capacità di presa e movimentazione riducono i tempi di lavoro e ottimizzano l’efficienza delle operazioni di smantellamento e trasporto. Altro vantaggio, la riduzione dei rifiuti: separare i materiali direttamente sul cantiere riduce la quantità complessiva di rifiuti e la necessità di spostare materiali inutili. Infine, il minore impatto ambientale: la selezione accurata dei materiali promuove il riciclaggio e il riutilizzo, contribuendo a una gestione sostenibile delle risorse.

La benna frantoio CBF

La benna frantoio CBF di CM si aggancia oltre che agli escavatori, a terne, pale gommate, telescopici, mini escavatori e minipale, e viene utilizzata anche direttamente in cantiere in settori quali la demolizione, le ricostruzioni, ecc., per frantumare e ridurre in pezzi più piccoli (e più facilmente gestibili) materiali provenienti da demolizioni come calcestruzzo, pietra e inerti. I frammenti risultanti possono essere riutilizzati come materiale di riempimento per basi stradali o per la produzione di nuovi manufatti.

Anche per questa benna i benefici sono numerosi. Si ha un risparmio energetico in quanto il riciclaggio interno dei materiali sul cantiere riduce la necessità di acquistare e trasportare nuovi materiali, contribuendo al risparmio energetico complessivo. Grazie al riciclo in loco, i frammenti frantumati possono essere utilizzati in nuove costruzioni o riparazioni strutturali, e ciò riduce l’impatto sull’ambiente. La frantumazione può essere ottimizzata e regolata in modo preciso per ottenere granulometrie specifiche dei materiali finiti, per avere così un migliore controllo sulla qualità dei materiali ottenuti.