CM | Benne CBR o CDS? Questo è il dilemma!

2024-06-10T09:44:55+02:0012 Giugno 2024|Categorie: Attrezzature, Movimento terra, Notizie|

L’azienda CM spiega le differenze tra le benne vagliatrici serie CBR e serie CDS per orientare il cliente alla giusta scelta.

La scelta tra le benne CBR e CDS dipende dai materiali da trattare

Che si tratti di materiali secchi, umidi, abrasivi, o di rifiuti organici, per avere ottimi risultati nella vagliatura è necessario scegliere il mezzo più idoneo. La gamma delle vagliatrici a marchio CM comprende due tipologie: la serie CBR, caratterizzata da un cesto rotante in entrambe le direzioni, e la serie CDS, equipaggiata con rotori. Spesso il cliente si chiede quale sia la scelta migliore tra le due, e la risposta è: “dipende da quale materiale si deve vagliare e se il materiale in questione è umido o secco”. L’azienda CM ha creato una guida in base ad alcuni materiali da trattare.

Sabbia: Per separare la sabbia da sassi o impurità varie, si consiglia la benna vagliatrice a cestello serie CBR. Con la corretta scelta del foro del cestello, la sabbia fine e secca esce dal buco della griglia, mentre il materiale di dimensione maggiore viene catturato dentro al cesto per essere scaricato separatamente.

Terra/Terriccio: Quando la terra è umida si consiglia sempre la benna vagliatrice a rotori per una produzione elevata, in grado di lavorare anche con terreni umidi. In caso di zolle la scelta ricade sul modello CDS poiché i rotori possono “frantumare” le zolle dure rendendole più facilmente vagliabili. Per terreno asciutto ma pieno di impurità come sassi e rami si consiglia la benna CBR. Ramaglie e impurità rimangono dentro al cesto rotativo, mentre dai buchi del cesto esce solo il terreno pulito.

Vagliatura di inerti pronti per la frantumazione: In questo caso si consiglia la serie CBR. Il cesto rotante permette di catturare gli inerti all’interno del cesto, pulendo il materiale che deve poi essere frantumato.

Rottami: Per materiali altamente abrasivi come i rottami, la benna vagliatrice CBR è la più indicata. Grazie alla sua capacità di gestire materiali abrasivi, è in grado di mantenere elevate prestazioni e produttività anche in condizioni di lavoro difficili, ottimizzando tempi e costi di produzione.

Ghiaia: In caso di separazione della ghiaia nelle varie dimensioni, la scelta ricade sulla serie CBR, ideale per ottenere un prodotto finale con dimensioni uniformi. Il cesto rotante consente di catturare la ghiaia e separarla, garantendo che solo il materiale della dimensione desiderata passi attraverso i fori del cestello. Così è possibile ottenere una ghiaia di dimensioni uniformi adatta alle specifiche esigenze del progetto. In caso di ghiaia mista a terreno e/o altre impurità, la scelta migliore è la CDS, perché i rotori separano la ghiaia dal resto del materiale indesiderato.

Biomassa: la serie CBR è ideale per vagliare il compostaggio di rifiuti organici. Il suo cesto rotante consente di catturare la biomassa e separarla da eventuali impurità come plastica o metallo, ottenendo così un compost di migliore qualità, libero da contaminanti, adatto per l’uso in agricoltura e orticoltura. La serie CDS è preferibile quando si tratta di biomassa più compatta o di grandi dimensioni come trucioli di legno o scarti vegetali. In questo caso i rotori frantumano i materiali organici più grossolani facilitando il processo di vagliatura e riducendo la dimensione dei detriti.

Materiali riciclabili: La serie CBR è utilizzabile per separare materiali riciclabili come carta, plastica, vetro e metallo. Il suo cesto rotante cattura i materiali desiderati e li separa da eventuali contaminanti, per ottenere un prodotto finale pulito e di qualità. I rotori della CDS, invece, possono aiutare a frantumare i materiali più grossolani e a prepararli per la vagliatura, contribuendo a migliorare l’efficienza del processo di separazione.

In conclusione, la scelta tra le due tipologie dipende dalle caratteristiche del materiale da vagliare e dalle esigenze specifiche del lavoro. Entrambe offrono vantaggi unici e sono progettate per soddisfare una vasta gamma di applicazioni nel settore della movimentazione del terreno e dei materiali.