Bauer Macchine Italia | Dall’In-House la perforatrice BF15 per colonne di ghiaia, le nuove RG per palancole e le tralicciate per diaframmi

2023-08-21T10:39:32+02:0020 Giugno 2023|Categorie: Notizie, We are Drilling & Foundations|Tag: , |

Andrea Ruggero, Direttore Commerciale di Bauer Macchine Italia ci conduce alla scoperta delle tante novità esposte al recente Bauer In-House (qui il post sul nuovo impianto di dissabbiamento BE600, la nuova idrofresa BCS185 e le novità Klemm)In particolare ci porta ad Aresing, dove è ubicata la produzione Bauer e dove è stata allestita un’enorme area-demo.

L’area demo di Bauer ad Aresing

La BF15 per colonne in ghiaia

“La BF15”, ci spiega l’ing. Ruggero, “è stata appositamente costruita per la realizzazione di colonne in ghiaia fino a 15 m di profondità, presenta l’ago vibrante su slitta e la vibrosostituzione bottom feed, che prevede l’alimentazione della ghiaia da sotto, direttamente con l’ago direttamente. I 15 m di profondità per questa tipologia di macchine sono un vero record mai raggiunto da nessun costruttore e rappresentano un target molto interessante per il mercato italiano dove, in genere, non si riescono a fare più di 10-12 m. A livello di diametri la BF15 può affrontare tranquillamente colonne in ghiaia da 500 a 800 mm”.

Le macchine per l’infissione palancole con vibrazione RG

Per quanto concerne le macchine per l’infissione palancole con vibrazione, le RG, è stato presentato un radiocomando che, abbinato con il rinnovato sistema di montaggio macchina, consente all’operatore di assemblare la macchina in modo autonomo e, soprattutto, di controllarla da terra. Questa soluzione permette di operare fronte area di infissione e di gestire il tutto con un semplice radiocomando, fatta eccezione per il collegamento della palancola con le catene. Quindi un solo operatore può gestire l’intero cantiere.

L’assistente alla perforazione Stability Plus

Sul fronte della sicurezza, per quanto concerne le macchine da pali è decisamente interessante il nuovo Stability Plus: un assistente alla perforazione che, in base ai tubi di rivestimento e al modello di macchina, regola in automatico la rotazione della torretta, assistendo l’operatore in tutte le movimentazioni ed evitando la possibilità di ribaltamento.

Le macchine tralicciate e per diaframmi

Molto interessante la nuova GB50 con testa ribassata che offre un ingombro di soli 6 m di altezza in fase di scavo. La macchina è stata presentata con una benna dedicata che presenta lo stesso ingombro sia in apertura sia in chiusura.

“Tante novità anche in merito alle macchine tralicciate”, riprende il Direttore Commerciale di Bauer Macchine Italia. “Per gli escavatori tralicciati MC abbiamo i nuovi assistenti semi-automatici che permettono di operare una benna meccanica a fune sospesa senza utilizzare i pedali. Questo semplifica enormemente il lavoro dell’operatore, consentendo anche a personale con meno esperienza di utilizzare questa tipologia di macchine con più facilità.

13 m di sbraccio grazie al Super Reach per pali trivellati

Sempre in tema tralicciati, ecco anche il Super Reach dedicato ai pali trivellati. Con questo sistema la macchina mantiene il traliccio e gli argani che vengono utilizzati per far salire e scendere l’asta kelly, ma alla base viene montato un telaio aggiuntivo dotato di rotary e di sistema di tirospinta su cilindri, che permette sia l’utilizzo della coppia della rotary sia il sistema di tirospinta. La denominazione Super Reach si deve alla possibilità di eseguire pali con uno sbraccio fino a 13 m dalla cabina, una soluzione particolarmente interessante in caso di lavori portuali. In queste situazioni è infatti complicato arrivare alla zona di scavo e sovente si utilizzano pontoni, con tutte le problematiche e i costi che ne conseguono. Il Super Reach invece permette di lavorare comodamente dalla cabina”.